Menù

Cerca utente

HotSpot casalinghi per accesso ai sistemi digitali DMR, D-STAR, YSF, P25, NXDN.

> Percorso navigazione: Home / Articolo
Home
Bacheca
Schedulazioni
Articolo
    Cerca un articolo o un post in bacheca
Fai conoscere Elettrino.it ai tuoi amici. Clicca su Mi piace e Condividi questa pagina.
Scritto da

Elettrino.it
● Articolo Articolo aggiornato al 26-01-2020 09:16

HotSpot casalinghi per accesso ai sistemi digitali DMR, D-STAR, YSF, P25, NXDN.


Le diverse soluzioni presenti ad oggi sul mercato per attivare un nodo casalingo e accedere alle diverse piattaforme digitali DMR, D-STAR, YSF, P25 e NXDN.

    Introduzione

Spesso capita di trovarsi in zone dove non sono presenti nodi/ponti di accesso ad una o più piattaforme digitali trovandosi così impossibilitati ad effettuare quel tipo di trasmissione. Per rispondere a queste esigenze il mercato ci viene incontro con soluzioni anche low cost che, unitamente ad una connessione internet, ci consentono di risolvere questo problema.

In questo articolo si presentano i cosiddetti HotSpot personali a bassa potenza, combinazione di hardware, firmware e software da installare su PC/Raspberry che consentono ad un appassionato radioamatore con connettività Internet di collegarsi direttamente ai sistemi di voce digitale in tutto il mondo. Gli HotSpot consentono quindi di collegarsi ai talkgroup DMR, P25 e NXDN; Riflettori D-STAR; Stanze YSF; e così via. Un HotSpot rappresenta il tuo gateway vocale digitale personale. Gli HotSpot non funzionano come ripetitori.

Molti HotSpot si presentano come schede montabili su mini computer come il Raspberry Pi o come chiavette USB. Alcuni possono gestire molte modalità digitali, tra cui DMR, D-STAR, YSF, P25, NXDN, varie modalità incrociate e POCSAG; altri sono limitati a una o poche modalità.

La maggior parte richiede una radio digitale capace di interagire con loro (in genere hanno antenne ceramiche tozze o integrate per la connettività nelle vicinanze). C’è anche un altro tipo che ha il proprio chip AMBE® Vocoder in modo da poterlo utilizzare senza la necessità di una radio digitale, ad esempio, utilizzando un auricolare con un microfono collegato al computer a cui è collegato l’HotSpot.

Di seguito il diagramma semplificato di come è possibile la connessione ad un sistema digitale tramite il tuo HotSpot a un talkgroup multiprotocollo ospitato da BrandMeister, che consente alle persone che usano modalità diverse di dialogare:

    I network radioamatoriali per le trasmissioni digitali

Oltre alla parte hardware composta dall’HotSpot (sia questo integrato con un Raspberry oppure come chiavetta collegata al PC), il software di gestione e la connessione ad internet, occorre conoscere quelle che sono le reti a cui collegarsi per cominciare ad interagire tramite il proprio access point casalingo alle varie reti digitali.

Un elenco di reti digitali attive in tutto il mondo a cui collegarsi è disponibile al seguente link: https://t.me/s/HamRadioDM...

Si tratta di un gruppo telegram dove trovare un elenco abbastanza completo di reti DMR attive. Ogni rete viene visualizzata un’ora prima che diventi attiva.

Altro link interessante è https://hose.brandmeister... dove è possibile filtrare la lista Talk Group attivi in tempo reale tramite i campi filtro in alto.

    I principali prodotti HotSpot sul mercato

Le principali schede HotSpot a basso consumo presentate in questo articolo sono:

- SharkRF openSPOT
- ZUMspot
- LoneStar

di cui ZUMspot e LoneStar basate su MMDVM (acronimo di Multi Mode Digital Voice Modem e sviluppato da Jonathan Naylor G4KLX). Sono tutti prodotti affidabili e versatili supportando molteplici modalità digitali fra cui DMR, D-STAR, YSF, P25, NXDN, varie modalità incrociate e POCSAG (per il paging vocale digitale).

    SharkRF openSPOT

Sviluppato da Ákos Marton, HG1MA e Norbert Varga, HA2NON.

SharkRF openSPOT nella versione 2 (OpenSPOT2) è stato rilasciato nell’ottobre 2018 e include un’antenna integrata che fornisce il punto di accesso con una radio e una scheda di rete WiFi che, collegata ad una rete WiFi casalinga, consente di accedere via browser alla sua pagina di configurazione.

Funziona con le radio D-STAR, DMR, YSF, P25 e NXDN, include funzionalità cross-mode, gestisce POCSAG e supporta la messaggistica APRS e l’inoltro dei dati di posizione.

Questo hotspot combina radio / modem e computer su una singola scheda che è solo leggermente più grande di un Raspberry Pi Zero rendendolo molto compatto. Viene fornito con una custodia sottile, che può essere facilmente inserita in una tasca.

Iniziare e utilizzare OpenSPOT è semplice e rapido ed è molto veloce nell’uso. Ha un proprio pannello di controllo raggiungibile da browser (InternetExplore, Chrome ecc.) previa connessione alla rete WiFi locale.

E’ fornito di un buon manuale utente online in inglese e a supporto c’è il solido forum della community.

Il firmware openSPOT e il pannello di controllo vengono regolarmente aggiornati con l’aggiunta di nuove funzionalità e correzioni bug. Il processo di aggiornamento del firmware avviene automaticamente in background mentre openSPOT è in esecuzione su una WiFi con accesso ad internet.

Installazione e ordinazione
Dai link di seguito è possibile trovare tutte le info per acquisto e documentazione:

- Sito Web SharkRF openSPOT: https://www.sharkrf.com/...
- Manuale utente online: http://manuals.sharkrf.co...
- Forum della community: https://forum.sharkrf.com...
- Log aggiornamenti: https://www.sharkrf.com/p...

SharkRF openSPOT3
Il team Shark RF ha annunciato openSPOT v3 Open in una nuova scheda disponibile dalla fine di gennaio 2020. Tra gli altri aggiornamenti include un chip AMBE® integrato per la transcodifica cross-mode. Questo porta finalmente le modalità incrociate D-STAR. Include anche una batteria integrata da 10 ore per un facile utilizzo in portatile.

    ZUMspot

Progettato da Jim Mclaughlin KI6ZUM e basato su MMDVM di Jonathan Naylor G4KLX.

La scheda ZUMspot-RPi di ZUM Radio ha le stesse dimensioni e funziona su un Raspberry Pi Zero W. Può anche essere montata su RPi 3B +, 3A + o 4B più veloci, così come sulla maggior parte delle schede RPi più vecchie. Funziona con i modi digitali DMR, D-STAR; YSF, P25, NXDN e POCSAG, oltre a varie modalità incrociate DMR e YSF.

La configurazione avviene, collegandolo ad una Raspberry o PC tramite porta USB, attraverso un pannello di configurazione accedibile via browser (IExplorer, Chrome, ecc.). Dalla versione 0.6 rilasciata ad Aprile 2019 è stata introdotta la connessione ad un display Nextion per mostrarne lo stato di funzionamento.

Custodie
Esistono anche una varietà di custodie progettate da C4Labs appositamente per la scheda ZUMspot visionabili a questo link: https://www.c4labs.com/?s...

Link utili
- Video Tutorial Configurazione ZUMSpot: https://www.youtube.com/w...
- Video Tutorial Configurazione ZUMSpot: https://www.youtube.com/w...
- Gruppo Facebook di supporto: https://www.facebook.com/...


    LoneStar MMDVM

Sviluppato da David N5BOC con il supporto di Andy CA6JAU per la parte firmware.

Questo HotSpot basato su MMDVM e progettato in Texas, è realizzato con componenti di qualità e sviluppato con buone tecniche di progettazione funzionando con DMR, D-STAR, YSF, P25, NXDN e POCSAG, oltre a varie modalità incrociate DMR e YSF.

Ne esistono di due versioni a seconda del funzionamento in Simplex o Duplex.

LoneStar MMDVM Simplex ha le stesse dimensioni e funziona montata su un Raspberry Pi Zero W. Può anche essere montata su RPi 3B +, 3A + o 4B più veloci, nonché sulla maggior parte delle schede RPi più vecchie.

Si presenta come una scheda a quattro strati ben progettata con a bordo un’antenna in ceramica YAGEO a 432 MHz che può essere facilmenta sostituita con una qualsiasi con attacco SMA (il connettore SMA può essere facilmente aggiunto tramite fori predisposti ) e un grande piano di massa inserito nel mezzo che genera segnali ben isolati. Supporta display OLED e Nextion.

Dal sito Web ufficiale David scrive:
... questa scheda ha il suo regolatore di tensione dedicato a 3.3V e non assorbe da quello rumoroso del Raspberry Pi a 3.3V come fanno tutte le altre schede simplex. Questa scheda è ora una scheda a 4 strati con LARGE planimetrie per 3,3 V e GND a sandwich nel mezzo. Questo funge da un grande tappo di disaccoppiamento sul lato dell’intera scheda. Inoltre, questo isola i segnali tra il lato TOP e il lato BOTTOM. A proposito, tutti i segnali analogici RF sono solo sul lato TOP e i segnali digitali armonici elevati sono tutti isolati sul lato BOTTOM.

LoneStar MMDVM Duplex con antenne SMA, mantiene le stesse dimensioni della versione Simplex con un fattore di forma Raspberry Pi Zero W, rendendola l’unica scheda duplex così compatta. Può anche essere montato su RPi 3B +, 3A + o 4B più veloce, così come sulla maggior parte delle vecchie schede RPi. Supporta anche display OLED e Nextion.

Dal sito Web ufficiale David scrive:
Questa scheda, come tutte le altre, sono completamente assemblate qui nel grande stato del Texas utilizzando solo componenti di alta qualità. Ad esempio, questa scheda utilizza un marchio ECS TCXO acquistato da Mouser a Mansfield in Texas. ECS è noto per la qualità degli oscillatori. Sono stabili in frequenza ...

Molta cura è stata posta durante la progettazione e il layout di questa scheda, costruita su un PCB placcato in oro a 4 strati che ha uno spessore di 1,6 mm. La placcatura in oro offre la migliore adesione della saldatura (senza fastidiosi giunti di saldatura a freddo) e rende la tavola più resistente all’ossidazione per la massima affidabilità possibile. Gli strati interni sono piani POWER e GROUND solidi. Questo è importante perché rende il ricevitore più immune al rumore e quindi più sensibile. Ciò consente inoltre a ogni componente della scheda di avere un percorso di impedenza molto basso verso la guida + 3,3 V o GND, migliorando anche l’immunità al rumore. Infine, gli strati piani essendo gli strati interni agiscono come un condensatore di disaccoppiamento MOLTO GRANDE che rende questa scheda molto più immune ai difetti di tensione sull’alimentatore.

Link utili
- Sito web ufficiale LoneStar di David N5BOC: https://www.store.n5boc.c...
- Dettaglio LoneStar MMDVM Simplex: https://www.store.n5boc.c...
- Dettaglio LoneStar MMDVM Duplex: https://www.store.n5boc.c...

    Approfondimenti

Per approfondire gli argomenti qui trattati, di seguito il link alla fonte in inglese amateurradionotes.com da cui è stato tradotto parte di questo articolo: https://amateurradionotes...

* Gli argomenti trattati su questo portale vengono scritti da appassionati sulla base delle proprie esperienze e informazioni raccolte sul web da varie fonti. Se trattano di prodotti specifici che possono essere acquistati, gli articoli non devono essere presi come riferimento assoluto in un eventuale acquisto poichè potrebbero contenere informazioni inesatte o non aggiornate.
Fai conoscere Elettrino.it ai tuoi amici. Clicca su Mi piace e Condividi questa pagina.
Altri articoli che ti potrebbero interessare
Commenti all'articolo

IL TUO NOME
LA TUA EMAIL
Accetta privacy. Clicca qui per approfondire.

Non sono presenti commenti all'articolo
Leggi gli ultimi post in bacheca

President Lincoln Radio - Test in laboratorio di una radio di oltre 30 anni. Nascente come radio per le decametriche (28 MHz) ma poi adattata anche agli 11 metri ed oltre, con una ricezione superba ed una trasmissione eccellente. Ha tutte le funzioni che servono sia per i qso locali che per il dx più esigente. A cura di IZ4CTM.
CB radio test President Lincoln...
Sarò brevissimo, perché per lo stato dell’arte non servono parole. Grande grande grande radio. Ricezione superba, trasmissione eccellente, ha TUTTE le funzio......
...
Autocostruzione antenne HF Loop Magnetiche - Parte 1

Un’altro interessante progetto di autocostruzione di una Loop Magnetica realizzata interamente con tubi di rame per impianti termici compreso il condensatore variabile.

Seconda parte a questo link: https://www.elettrino.it/...
Autocostruzione antenne HF Loop Magnetiche - Parte 1...
So much to do, the construction of a Mag Loop.. Its all been none stop over the past month or two... let me know in the comments below what you want to see m......
...
Autocostruzione antenne HF Loop Magnetiche - Parte 2

Un’altro interessante progetto di autocostruzione di una Loop Magnetica realizzata interamente con tubi di rame per impianti termici compreso il condensatore variabile.

Prima parte a questo link: https://www.elettrino.it/...
Autocostruzione antenne HF Loop Magnetiche - Parte 2...
So much to do, the construction of a Mag Loop.. Its all been none stop over the past month or two... let me know in the comments below what you want to see m......
...
Autocostruzione antenne HF - Una curiosa realizzazione in economia di un’antenna per le HF costruita con 100 graffette di metallo fermacarte.
Autocostruzione antenna HF con 100 graffette di metallo fermacarte...
The highly requested paper clip installment of Will It Antenna. Where I try and make ham radio antennas out of common household items. Today, the worst examp......
...
Un interessante soluzione all-in-one Radio e Loop Antenna per le HF
AlexLoop Ultra Light Antenna on a Complete HF Hand...
Rio de Janeiro January 19 / 2020 - This is my recent experience after 16 years making many prototypes to achieve the ideal Handheld Station for 7 Mhz to 30 M......
...

   Il Portale di chi è appassionato al mondo della radiocomunicazione e dell'elettronica